mercoledì 20 aprile 2016

Nasce l’associazione ecologista “Terra mia”


Comunicato Stampa Terra Mia del 20 aprile 2016
A Cervinara nasce Associazione “Terra Mia”.

Terra Mia, la nuova associazione ecologista cervinarese, si presenta con una nota ufficiale alla cittadinanza locale: “Terra Mia nasce innanzitutto per onorare la memoria di Mario Ceccarelli, un vero amante della montagna e della natura scomparso prematuramente -si legge nella nota. Terra Mia punta alla valorizzazione della montagna con una serie di attività che interesseranno più settori”.


I punti cardine del programma sono il rilancio di azioni ecologiche per sensibilizzare la popolazione al rispetto della natura, lo sviluppo di attività agroforestali, un’area campeggio attrezzata e un bivacco come punto di riferimento per tutto il mondo escursionistico, in costante crescita nella fascia del Partenio. Il Sindaco Filuccio Tangredi ha concesso l’uso della vecchia, abbandonata e decrepita “Casella della Forestale”, che risorgerà dopo i lavori di ristrutturazione previsti a breve. Sarà allestito, soprattutto, un punto di emergenza, per qualsiasi eventualità, collegato direttamente alla stazione radio dei Rangers del Partenio che hanno una sede operativa nella vicina Rotondi.
Tra poco partiranno i protocolli d’intesa con altre realtà associazionistiche e di volontariato, già operanti sul territorio cervinarese e caudino. L’appello che lanciamo è semplice: chi ama l’ambiente, il verde della montagna e la propria terra è il benvenuto”.
Con questo appello si chiude la nota dei fondatori, Carlo Ceccarelli e Francesco Casale, che ringraziano le Istituzioni di Piazza Trescine per la concessione e sono già a lavoro per l’inaugurazione e l’apertura al pubblico, previste entrambe tra luglio e la metà Agosto.
Per qualsiasi informazione o adesione al progetto è già attivo un indirizzo di posta elettronica: associazioneterramiacervinara@gmail.com

Terra Mia Associazione in Cervinara
rassegna stampa

martedì 12 aprile 2016

CMC321: BOIA CHI TRIVELLA - REFERENDUM VOTA SI!


Comunicato Stampa del 12 aprile 2016
Cmc321: sosteniamo il SI al referendum del 17 aprile

La Comunità Militante Caudina 321 sosterrà il “Sì” al quesito referendario di domenica 17 aprile e lo annuncia tramite una nota del direttivo: “Vogliamo difendere il nostro ecosistema dalle speculazioni e dalle trivelle multinazionali, cancellando la vergognosa concessione fatta dal governo, che dà il permesso alle società petrolifere di cercare ed estrarre gas e petrolio entro le 12 miglia marine dalle coste italiane, addirittura senza limiti temporali alla durata delle concessioni”.

L’associazione ambientalista caudina è schierata dalla parte del Sì, oltre le logiche di partito, delle fazioni o dei comitati referendari: “La nostra etica – sottolinea la Cmc321 – ci impone di seguire una linea ecosostenibile basata sui processi produttivi che non devono intaccare l’ecosistema. Le trivelle, invece, estraggono materie prime mettendo a serio rischio il futuro del mare e delle attività economiche legate a esso, come la pesca, il turismo, la ristorazione ed il commercio. Siamo contrari anche alle trivellazioni sulla terra, ossia alle prospezioni, alle esplorazioni, alle estrazioni e alle attività connesse con l’estrazione d’idrocarburi in Irpinia e nel Sannio. La potenza energetica italiana, a nostro avviso, dovrebbe essere nazionalizzata e libera dalle catene delle caste multinazionali. Noi abbiamo scelto il fronte del SI anche per focalizzare l’attenzione del popolo sull’energia alternativa, ricavata da risorse naturali rinnovabili. Vogliamo lottare contro le fossili, che inquinano, devastano il territorio, sono dannose per i cittadini, limitate e, per giunta, in gran parte nelle mani dei petrolieri stranieri. I padroni dell’oro nero puntano solo al profitto, fregandosene delle eventuali conseguenze catastrofiche in caso di incidenti”.
La nota della Cmc321 si chiude con una riflessione: “Non possiamo assolutamente compromettere il futuro delle nuove generazioni e dell’ambiente. Domenica 17 aprile scegliamo il Sì per opporci alle politiche scellerate di un governo lontano dal popolo”.

Il Direttivo della Comunità Militante Caudina 321

rassegna stampa